L’ictus cerebrale è una malattia grave che si verifica per l’improvvisa ostruzione o rottura di un’arteria del cervello, con il conseguente danno alle cellule cerebrali dovuto alla mancanza di ossigeno e di nutrimenti portati dal sangue (ischemia) o alla compressione dovuta al sangue uscito dall’arteria (emorragia cerebrale).

Si parla di attacco ischemico transitorio (TIA-Transient Ischaemic Attack) quando l’afflusso di sangue al cervello si interrompe per breve tempo. I TIA sono diversi dagli ictus ischemici perché non sembrano causare danni cerebrali permanenti. Infatti, i TIA si risolvono completamente e rapidamente e le cellule cerebrali non muoiono in grande quantità, almeno non ne muoiono abbastanza da causare cambiamenti che possano essere rilevati dalla diagnostica per immagini del cervello.

I segni e sintomi del TIA sono gli stessi dell’ictus e dipendono dalla zona del cervello interessata.

L’ictus cerebrale in Italia rappresenta la terza causa di morte, dopo le malattie cardiovascolari e le neoplasie ed è la prima causa assoluta di disabilità. Rappresenta, inoltre, la seconda forma più comune di demenza e si verifica maggiormente nella popolazione anziana. Ogni anno si calcola che in Italia si verifichino oltre 200.000 nuovi casi di ictus (incidenza 2-3 pazienti/anno/1.000 abitanti) di cui l’80% sono i nuovi casi e la restante parte è costituita dalle recidive.

Come nel caso di un attacco di cuore, l’ictus può colpire improvvisamente, spesso senza preavviso e senza dolore. L’ictus è una grave emergenza medica e richiede una cura immediata: un intervento rapido, infatti, può ridurre al minimo i danni al cervello e le possibili complicazioni e favorire la riabilitazione e il recupero delle funzioni del paziente.

Riconoscere i segni dell’ictus è quindi fondamentale perché bisogna intervenire il più velocemente possibile. 

I sintomi e i segni che devono mettere in allarme sono in genere associati a qualche deficit:

  • una debolezza o insensibilità di una metà del volto, di uno degli arti (braccio o gamba) della metà del corpo, che può essere caratterizzata anche da formicolii
  • una difficoltà nell’esprimersi o nel comprendere qualcuno che sta parlando o ancora uno stato di disorientamento
  • una difficoltà nel coordinare i movimenti e nello stare in equilibrio
  • non riuscire improvvisamente a vedere bene da un occhio
  • un mal di testa violento, localizzato e non abituale.

Alla comparsa improvvisa anche di una sola di queste condizioni si deve richiedere subito aiuto e chiamare i numeri di emergenza 112 o 118.

Le informazioni contenute in questa pagina hanno uno scopo divulgativo e non sostituiscono il parere e le spiegazioni del tuo medico.

Sostieni la Fondazione Italiana per il Cuore

a favore della Prevenzione e della Ricerca Cardiovascolare

La Associazione Fondazione Italiana per il Cuore raccoglie fondi da destinare alla ricerca e alla prevenzione delle malattie cardiovascolari. Le donazioni sono interamente deducibili dalla dichiarazione dei redditi in quanto destinati ad Ente di ricerca individuato dal D.P.C.M. 25/02/09 (art. 14/1 D.L. 14/03/05 n.° 35 e art. 1/353 Legge 23/12/05 n.° 266).

COME DONARE