Project Description

Rimini 23 Novembre 2019 – in occasione di Cosmosenior 2019

La Fondazione Italiana per il Cuore, rappresentata dalla Dottoressa Daniela Giudice, Referente del Comitato Scientifico, ha preso parte al talk show tra esperti sul tema “Cuore e ossa: un legame a doppio filo” evidenziando il problema della consapevolezza del rischio per la propria salute, in particolar modo per le malattie cardiovascolari. Da un’indagine condotta per Fondazione Italiana per il Cuore emerge che la pericolosità delle malattie cardiovascolari non viene riconosciuta come tale da 1 italiano su 21. Un altro capitolo importante è l’aderenza alle terapie prescritte. I dati ufficiali OsMed sul consumo dei farmaci non sono rassicuranti. Ad esempio, per quanto riguarda la categoria delle statine, quando si prende in considerazione la persistenza al trattamento, ovvero il tempo mediano alla interruzione del trattamento stesso, i dati amministrativi ci dicono che già a 150 giorni dall’inizio della terapia la probabilità di interrompere il trattamento è del 50%. Inoltre, circa il 20% degli utilizzatori interrompe la terapia dopo un mese dall’inizio e solo il 33% dei nuovi utilizzatori risulta essere ancora in trattamento ad un anno dall’inizio della terapia2”.
Le malattie cardiovascolari rappresentano ancora oggi la prima causa di morte, con 17.9 milioni di decessi nel mondo, ed in particolare in Italia i dati ISTAT ci dicono che, già sopra i 45 anni, le malattie del sistema cardiovascolare sono la prima causa di ospedalizzazione. E’ fondamentale continuare a lavorare per aumentare il livello di consapevolezza sul rischio di queste malattie, così come è importante agire sui fattori di rischio. Si tratta di mettere in atto semplici gesti e modifiche del nostro stile di vita quotidiano, gli stessi che l’indagine sottolinea e che non sono ancora percepiti come necessari per vivere più a lungo, meglio e con un cuore più sano.

1 AstraRicerche per Fondazione Italiana per il Cuore, settembre 2019 “Gli italiani e il cuore” (n° 1007 interviste online)
2 Osservatorio Nazionale sull’impiego dei Medicinali. L’uso dei farmaci in Italia. Rapporto Nazionale Anno 2018.

Materiale

In evidenza

Condividi

Sostieni la Fondazione Italiana per il Cuore

a favore della Prevenzione e della Ricerca Cardiovascolare

La Associazione Fondazione Italiana per il Cuore raccoglie fondi da destinare alla ricerca e alla prevenzione delle malattie cardiovascolari. Le donazioni sono interamente deducibili dalla dichiarazione dei redditi in quanto destinati ad Ente di ricerca individuato dal D.P.C.M. 25/02/09 (art. 14/1 D.L. 14/03/05 n.° 35 e art. 1/353 Legge 23/12/05 n.° 266).

COME DONARE