Lo scompenso cardiaco (o insufficienza cardiaca) si verifica quando il cuore diventa troppo debole o ha una ridotta capacità di contrarsi e non riesce a fornire sangue in misura adeguata alle richieste del nostro corpo.  Si tratta di una condizione cronica con fasi di aggravamento e colpisce più frequente gli anziani che i giovani; si stima che ne soffra l’1-2% della popolazione italiana, con percentuali maggiori nelle fasce di età più avanzate. Lo scompenso cardiaco è una malattia grave ed in Italia è la prima causa di ricovero ospedaliero dopo i 65 anni di età.

I segni ed i sintomi dello scompenso cardiaco non sono sempre chiari. Nelle fasi iniziali, il quadro clinico può essere asintomatico o evidenziare solamente una sensazione di affaticamento e affanno durante sforzi fisici che può essere trascurata dai pazienti. L’andamento naturale della malattia è tuttavia progressivo e i segnali divengono gradualmente sempre più evidenti.

I sintomi dello scompenso cardiaco sono legati principalmente alla ritenzione di liquidi e alla scarsa ossigenazione dei tessuti, e si può osservare: il gonfiore, in particolare alle caviglie e alle gambe, il gonfiore addominale, l’affanno sia durante uno sforzo che quando ci si sdraia, la stanchezza, l’accelerazione del battito cardiaco o la cute pallida.

Lo scompenso cardiaco viene classificato in quattro classi, in base al livello di limitazione dell’attività fisica:

  • Classe I: quando il paziente non presenta sintomi. L’attività fisica abituale non provoca difficoltà respiratorie né sensazione di affaticamento.
  • Classe II: scompenso cardiaco lieve, quando l’attività fisica moderata (come salire due rampe di scale o salire alcuni gradini portando un peso) provoca difficoltà respiratorie o sensazione di affaticamento.
  •  Classe III: scompenso cardiaco da moderato a grave, quando l’attività fisica minima (come camminare o salire mezza rampa di scale) provoca difficoltà respiratorie o sensazione di affaticamento.
  • Classe IV: scompenso cardiaco grave. Astenia, difficoltà respiratorie o sensazione di affaticamento presenti anche a riposo (seduti o sdraiati a letto).

In genere, lo scompenso cardiaco è una condizione irreversibile. Esistono tuttavia trattamenti che possono ridurre la sintomatologia e rallentare la sua progressione.

Per ridurre il rischio di insorgenza di scompenso cardiaco è fondamentale mantenere uno stile di vita sano e una dieta sana ed equilibrata.

Le informazioni contenute in questa pagina hanno uno scopo divulgativo e non sostituiscono il parere e le spiegazioni del tuo medico.

Sostieni la Fondazione Italiana per il Cuore

a favore della Prevenzione e della Ricerca Cardiovascolare

La Associazione Fondazione Italiana per il Cuore raccoglie fondi da destinare alla ricerca e alla prevenzione delle malattie cardiovascolari. Le donazioni sono interamente deducibili dalla dichiarazione dei redditi in quanto destinati ad Ente di ricerca individuato dal D.P.C.M. 25/02/09 (art. 14/1 D.L. 14/03/05 n.° 35 e art. 1/353 Legge 23/12/05 n.° 266).

COME DONARE